lunedì 23 ottobre 2017

Perdesi casa.


Pruèrbi dål dì:

"Cul giügà, ås pèrdå åncå lå cà: Col giocare si perde anche la casa.
Il vizio del gioco conduce spesso a perdere i propri averi."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez." Virtù e vizi, pregi e difetti" (2012). Ascoltalo!

venerdì 20 ottobre 2017

Avarizia.


Mòd åd di dål dì:

"'L è tånt åvàr che quånd ål va int 'l òrt ål lå fa nåncå tütå: È tanto avaro che quando va nell'orto (a fare i suoi bisogni) non la fa neanche tutta."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Difetti ed errori" (2012). Ascoltalo!

venerdì 13 ottobre 2017

Tirare a casa.


Mòd åd di dål dì:

"'T è tirà å ca un quåicòs?: Hai tirato a casa qualcosa, ne hai avuto un vantaggio?".

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Interessi, affari, denaro, proprietà…". Ascoltalo!

giovedì 12 ottobre 2017

Curiosità notturna.


Pruèrbi dål dì:

"Ål curiùš ål dròmå nåncå lå nòt: Il curioso non dorme neanche la notte, per non perdersi nessuna novità."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Virtù e vizi; pregi e difetti" (2012). Ascoltalo!

mercoledì 11 ottobre 2017

Stonature.


Mòd åd di dål dì:

"'L è stunà me 'l òrgån åd Fåmiòlå: È stonato come l'organo di Famiola. Ci si riferisce ad un organetto a manovella, che produceva talvolta suoni stonati, azionato da un suonatore girovago originario di Sannazzaro. Famiola è anche una maschera popolare piemontese."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Paragoni" (2012). Ascoltalo!

lunedì 9 ottobre 2017

Vitellino o... lupo?


Mòd åd di dål dì:

"Ål ciüciå me 'n vidél: Succhia come un vitello, detto di un lattante vorace."

Da "Ål nòs diålåt" Sez. "Paragoni" (2012). Ascoltalo!

sabato 7 ottobre 2017

La donna-pallone.


Mòd åd di dål dì:

"'L è int l'àri me un bålón vulånt: È 'in aria' come un pallone volante.
Dicesi di una persona di cui tutti sparlano, perchè ne ha combinata una grossa."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez."Difetti ed errori" (2012). Ascoltalo!

venerdì 6 ottobre 2017

Prendere la lepre.


Pruèrbi dål dì:

"Lå légurå, sénså cur, ås ciàpå å tüt'i ur: La lepre, senza correre, si prende a tutte le ore.
Per riuscire nel proprio intento non occorre agitarsi tanto, ma attendere il momento opportuno."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Filosofia di vita" (2012). Ascoltalo!