sabato 18 novembre 2017

La crusca del diavolo.


Pruèrbi dål dì:

"Lå fårénå dål diàul lå va tütå in crüscå: La farina del diavolo va tutta in crusca.
Ciò che si ottiene in modo disonesto finisce per andar perduto."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. Filosofia di vita" (2012). Ascoltalo!

venerdì 17 novembre 2017

Il sarto dall'ago spuntato.


Mòd åd di dål dì:

"'L è un sårtù 'd lå gügiå mùtå: È un sarto dall'ago spuntato, di scarsa abilità."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Il lavoro" (2012). Ascoltalo!

giovedì 16 novembre 2017

La casa del bucato.


Mòd åd di dål dì:

"L’è ùnå ca då bügà: È una casa da bucato.
Si dice di un luogo molto disordinato, alludendo al locale dove un tempo si provvedeva al bucato."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Vita quotidiana" (2012). Ascoltalo!

mercoledì 15 novembre 2017

Come ti vizio il pupo.


Pruèrbi dål dì:

"I vìsi di tri dì i èn vìsi då måntgnì: I vizi dei tre giorni son vizi da mantenere.
Il proverbio mette in guardia i genitori dal concedere vizi ai bimbi appena nati perchè poi sono difficili da sradicare."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Ammonimenti" (2012), Ascoltalo!

lunedì 13 novembre 2017

Scarpette rotte.


Pruèrbi dål dì:

"Tinè å mént, mè cari fiö: früstè i scarp, må nò i linsö: Tenete a mente, miei cari ragazzi: consumate le scarpe, ma non le lenzuola.
È meglio correre, giocare e darsi da fare, che stare a letto oziosi o ammalati."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. Ammonimenti (2012). Ascoltalo!

domenica 12 novembre 2017

Aceto da bere?


Mòd åd di dål dì:

"'T ågh è séd? Va sùtå 'l àšu ch'ål pìså 'l åšéd!: Hai sete? Va' sotto l'asino che piscia l'aceto! Risposta in parte scherzosa, in parte seccata a chi continuamente chiede di bere."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Esclamazioni" (2012). Ascoltalo!

sabato 11 novembre 2017

Cattiva digestione.


Mòd åd di dål dì:

"Ågh ö 'l mångià int å(l) stòmi: Ho il mangiare nello stomaco, non ho digerito."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Salute e malanni" (2012). Ascoltalo!

venerdì 10 novembre 2017

I bambini? Buoni quelli...


Pruèrbi dål dì:

"I fiö, ò i ténšån ò i brüšån: I bambini, o tingono o bruciano.
I bambini, a causa della loro naturale vivacità, tendono a combinare piccoli guai."

Da "Ål nòs diålåt" - Sez. "Bambini e ragazzi" (2012). Ascoltalo!